Tecniche di Rilassamento

Training-Autogeno.jpg

Training Autogeno di Schutz - TA

Il Training Autogeno è un metodo di Auto-distensione che permette di raggiungere uno stato psichico di calma e rilassamento che si genera da sé, basato sulla concentrazione passiva e l’interazione profonda tra Mente e Corpo. Ideato alla fine degli anni Venti da un neurofisiologo e psicoterapeuta tedesco, Johannes Heinrich Schultz, il Training Autogeno si basa sulla ripetizione di una serie di sei esercizi da allenare quotidianamente.

Da:

€ 200,00

Operatore-di-Training-Autogeno_-Chi-è-e-

Rilassamento Frazionato di Vogt

Metodo di rilassamento formulato dal neurologo Oskar Vogt, prevede una scansione corporea mentale e la relativa distensione passiva dei diversi gruppi muscolari. Il Rilassamento Frazionato tende a far rilassare i muscoli "un distretto alla volta", percorrendoli mentalmente e lentamente uno dopo l'altro. Viene piacevolmente percorso tutto il corpo dai piedi alla testa fino a raggiungere il rilassamento totale e progressivo, può essere praticato senza obbligo di continuità. 

Da:

€35,00 cad

Bambini-Fitness.jpg

Rilassamento neuro-muscolare di Jacobson

È una tecnica che prevede specifiche richieste di contrazione e decontrazione muscolare utile per scaricare tensioni corporee, si basa sull’apprendimento di una riduzione volontaria e localizzata di tensione. L’attenzione è orientata alla percezione delle sensazioni che si accompagnano alla contrazione muscolare e al successivo rilassamento. Tecnica corporea specialmente indicata per atleti, ragazzi e bambini che prevede otto incontri.

Da:

€250,00

Esistono diverse tecniche che aiutano Corpo e Mente a Distendere le proprie Tensioni e Liberare la Mente, quello che facciamo con queste pratiche di Rilassamento è partire dal nostro Corpo e dedicargli la nostra preziosa Attenzione: con il TA impariamo a rilassare il Corpo, con Vogt impariamo ad osservarlo, sentirlo e a prenderne consapevolezza, con Jacobson impariamo a controllarlo, ad individuare i muscoli, a sollecitarli e a rilassarli volontariamente, con la Mindfulness portiamo l'attenzione dentro al Respiro e sui Pensieri, sulle Emozioni, impariamo a respirare dentro queste sensazioni. Il Ritiro dei Sensi e lo Sguardo verso l’interno attraverso l’osservazione e il controllo del Respiro, l'Ascolto degli organi interni (battito, stomaco, intestino), delle proprie emozioni, delle fatiche e dei dolori, costituiscono l'Azione necessaria e sufficiente affinché avvenga un Cambiamento, anche solo di Atteggiamento verso Se Stessi ed il proprio Corpo. L'azione stessa è agita in prima persona, e non c'è terapia più utile e rassicurante che accorgersi di tutto ciò. 

Propongo queste tecniche all'interno dei "Percorsi di Rilassamento" e come "Corsi singoli" (in modalità in Presenza ed Online) per chi è interessato ad apprendere la tecnica ed eseguirla in Autonomia

Con la ripetizione che viene assicurata durante il Corso, avviene il cosiddetto "Condizionamento", come se il Corpo e la Mente imparassero insieme a coordinarsi, a fare “ON/OFF” e a decidere quando avere questa risposta corporea generale di Rilassamento. Il Condizionamento affida il Potere alla persona di Auto-provocarsi, Auto-stimolarsi la sensazione di Alleggerimento e Ben-Essere Rigenerante, quando internamente ne sente la Necessità, l'Interesse o semplicemente il Piacere. Questo Rilassamento, questa distensione del Corpo e della Mente aiuta le persone a "fare chiarezza", mettere maggiormente "a fuoco", prerequisito fondamentale per fare “ordine” e pulizia mentale. Strumento e momento in cui “mi osservo in modalità non giudicante”.

Benefici

1) Profondo e rapido Recupero di Energie

2) Autoinduzione di Calma

3) Riduzione dello Stress accumulato

4) Autodeterminazione e autostima

5) Introspezione e Autocontrollo

6) Miglioramento delle Prestazioni per migliore capacità di Autosedazione e di Focus

7) Miglioramento della Gestione del Respiro, delle Emozioni e dell'Ansia

unnamed.jpg

LA RESPIRAZIONE YOGICA O COMPLETA

 

Comprende le tre respirazioni parziali che spontaneamente mettiamo in atto: la respirazione alta clavicolare (la più limitata di tutte, tipica degli attacchi d'ansia), la respirazione media toracica (quella abituale) e la respirazione bassa o addominale (detta anche "diaframmatica"). I vantaggi della respirazione completa sono intuitivi, questo tipo di respirazione permette di ampliare la capacità di riempimento dei polmoni, che promuove una buona ossigenazione del sangue. Lo slancio del movimento che produce il diaframma, favorisce il flusso di sangue e stimola il movimento del cuore. L’attività costante del diaframma esegue un massaggio agli organi della cavità addominale, favorendo il transito intestinale. Inoltre, interviene anche sul plesso solare, una rete nervosa situata all’inizio della aorta, causando un effetto rilassante e diminuendo l’ansia e la sensazione di “un nodo allo stomaco.” Inoltre, consente l’allenamento dell'Auto-controllo e Concentrazione.

Respirazione-completa.jpg

IL CONTROLLO DELLA RESPIRAZIONE: EFFETTI SULLA GESTIONE DELL'ANSIA

A volte tendiamo spontaneamente a TRATTENERE il RESPIRO quando stiamo contraendo parti del corpo sofferenti o per noi critiche. Insieme impareremo piano piano ad educare il Corpo e la Menta a portare il Respiro e Rilassamento anche là dove c’è tensione, durante il momento di fatica. Trattenere il respiro equivale a "chiudersi" rispetto il proprio dolore (che sia fisico o emotivo), invece la sfida da intraprendere dovrebbe dirigersi ad imparare a “stare” nel dolore ed ad “ossigenare” al meglio quelle parti del corpo, ovvero imparare a RESPIRARE nel DOLORE. Anche durante lo stretching, pratica di scioglimento dei muscoli che serve a ossigenare e allungare i muscoli, provate a farci caso tendiamo a trattenere il respiro, ovvero a non ossigenare, che è un controsenso.

La respirazione è una delle poche funzioni corporee che è   contemporaneamente "top down" e "bottom up", ovvero si muove in maniera involontaria perché noi respiriamo senza pensarci e lo facciamo influenzati da stimoli esterni (come odori) e stimoli o eventi emotivi interni, ma possiamo anche modulare o stoppare il nostro Respiro in maniera volontaria, e siccome le Emozioni sono in grado automaticamente di controllare il nostro Respiro, viceversa se trasformassimo il nostro Respiro saremmo in grado di gestire le nostre Emozioni. Quindi, avere un Respiro “CALMO E REGOLARE” è uno strumento molto importante per gestire e regolare tutti gli stati emotivi interni. Ri-regolando la respirazione di riflesso, si liberala mente, si riescono a Sentire e Gestire meglio le emozioni, si riescono a scaricare e/o ricaricare le Energie e modificare il ritmo cardiaco e la circolazione sanguigna, e tutto questo è possibile tramite il corpo, il suo movimento.

Inoltre l'Attenzione sul Respiro potrebbe anche essere un ottimo "diversivo" per allontanare e dimenticare alcuni pensieri invadenti, turbolenti o nocivi, può dare la sensazione che la mente più leggera o comunque diversa.

Spero di essere convincente quindi nell'afferrare in fine che: 

"la corretta Respirazione è la chiave per una Buona Salute!".